Dove è il nuovo Einstein?

Screen Shot 2017-06-02 at 12.01.50E’ vero nella scienza nulla realmente spiega i fenomeni naturali che osserviamo, un po’ perché siamo solo in grado di costruire modelli – matematici – che descrivono come accadono le cose, un po’ perché le teorie scientifiche vengono sempre superate da nuove teorie più complete.

Una delle teorie più belle che prova a spiegare piuttosto che semplicemente descrivere quello che ci circonda e’ la Relatività Generale, se non altro perché e’ un teoria più completa, che unisce lo spazio e il tempo della dinamica newtoniana con la Gravità che fino alla fine dell’800 erano ritenute due teorie disgiunte e incomplete. In realtà nel mezzo c’è un passaggio, l’unificazione dello spazio con il tempo attraverso la Relatività Ristretta, sempre ad opera di quel genio di Einstein, forse l’unico scienziato che nella sua vita è riuscito a fare un doppio salto mortale concettuale, unificando e spiegando ciò che fino a quel momento era dogmatico.  Dogmatico e’ la parola giusta per descrivere concetti come le stelle fisse nei sistemi di riferimento galileiani, o il perché le mele cascassero sulla testa di Newton per una fantomatica forza descritta fino 1915 solo nel suo comportamento ma non nelle cause. Banalizzando La Relatività Generale riesce a spiegare semplicemente perché unifica spazio-tempo a massa-energia legandoli insieme. la mela cade perché lo spazio-tempo si e’ curvato in presenza della massa, e come su un piano inclinato la mela scivola verso la zona dove c’e’ più materia, spiegando la gravità.

Ma anche la Relatività Generale ha i sui lati oscuri, dogmatici, come i buchi neri di cui abbiamo iniziato a sentire gli effetti(*). Come lo spazio e il tempo erano degli infiniti incompresi nella meccanica newtoniana, unificati dalla Relatività Ristretta e dal fatto che la velocità della luce è costante, così oggi i buchi neri sono degli infiniti, le singolarità della Relatività Generale, in cui la teoria descrive e si scontra con qualcosa qualcosa di inspiegabile e fino ad oggi intangibile.

Dove e’ il nuovo Einstein?

(*) La Scoperta del terzo evento ad opera di LIGO e il contributo INFN:
http://home.infn.it/it/comunicazione/comunicati-stampa/2328-una-nuova-rivelazione-di-onde-gravitazionali-conferma-l-esistenza-di-una-popolazione-di-buchi-neri

Spiegazione chiara e divulgativa ad opera dei colleghi dell’INAF:
http://www.media.inaf.it/2017/06/01/ligo-gw170104/

Racconto di una spiegazione scientifica:
https://www.slideshare.net/giovannimazzitelli/racconto-di-una-spiegazione-scientifica-68785728 

Informazioni su Giovanni Mazzitelli

Senior Researcher - field of interest high energy physics and particle accelerators; science communication and education; sail and alpinism lover
Questa voce è stata pubblicata in Editoriali. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...