Premio donne Innovatrici. Recinti di Genere? @MSCActions @EU_Commission

Promuovo questo premio perché qualche giovane italiana vi partecipi e lo vinca, ma mi chiedo: non è che premi destinati a un solo genere non fanno altro che rafforzare stereotipi, delimitando gli spazi e creando recinti?

https://ec.europa.eu/research/prizes/women-innovators/index.cfm?pg=home

Pubblicato in Editoriali, News | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

12 anni di Notte Europea dei Ricercatori! #ERN17 #MSCANIGHT @FrascatiScienza @MSCActions

20 Settembre, ore 14.30, c/o Roma III – AULA E
Largo San Leonardo Murialdo 1, Roma

wp-image-1812884884Sono dodici anni che i ricercatori dell’area romana organizzano la Notte Europa dei Ricercatori. Oggi, dai 4000 visitatori della prima edizione realizzata presso i laboratori di Frascati dell’INFN abbiamo oltre 50.000 presenze e più di 50 partner scientifici e l’associazione Frascati Scienza, nata coordinare l’evento, opera su oltre 30 città italiane da sud a nord della penisola. Inoltre, il progetto Made in Science – Notte Europea dei Ricercatori 2016/17 – è fra i più ampi progetti finanziati dalla commissione europea ed e’ indicato come uno dei modelli migliori di organizzazione e comunicazione verso il largo pubblico.
L’incontro ha l’obiettivo di partecipare e condividere i risultati ottenuti e preparare gli interessati all’evento 2017, approfondendone obiettivi e modalità.

Info: https://www.frascatiscienza.it/pagine/notte-europea-dei-ricercatori-2017/programma/?evs=1874&

Pubblicato in Editoriali, News | Contrassegnato | Lascia un commento

Science Data Journalism School, e se sei giornalista ti becchi 8 crediti! #ERN17 #MSCANIGHT @FrascatiScienza @MSCActions

Raccontare la scienza e non solo, attraverso i Dati
25 settembre 2017 Ore 9.30 Mura del Valadier Frascati

L1030357.JPGDal rapporto Observa 2015 si deduce che meno del dieci per cento degli intervistati ritiene che i giornalisti siano credibili quando si parla di scienza e che siano addirittura dietro agli ambientalisti e a pari merito con i sacerdoti. Questo è un problema, un problema per la società che perde il primo e più importante strumento d’informazione, per la scienza, sempre più impegnata nella sua stessa immagine, e per il giornalismo e i giornalisti che vengono via via sostituiti da bot automatici che raccolgono e presentano i fatti…

Interpretare dati, tabelle e grafici della scienza e trasformarli in un’inchiesta giornalistica che ne sappia mostrare i contenuti al pubblico in modo coinvolgente e interessante ma scientificamente valido non è sempre facile. Servono competenze per capire i risultati delle ricerche, capacità di analisi e grafiche per presentarli in modo fruibile, nonché la professionalità del buon giornalista per realizzare una storia interessante e utile per la società. Oggi ci sono molti strumenti che possono aiutare il giornalista in alcuni di questi passi, ad esempio nella ricerca e nella verifica delle fonti o negli  strumenti per l’analisi e la presentazione dei dati.

L’obiettivo del corso è fornire strumenti e metodi per realizzare dei servizi giornalistici di inchiesta scientifica, attraverso il confronto diretto con scienziati, data e graphic journalist, ed esperti degli strumenti per la presentazione dei dati online.

Il corso rientra nel programma di appuntamenti della 12° edizione della Notte Europea dei Ricercatori #ERN2017

Modulo 1 (ore 9.30)

Parola di scienziato

Grazie anche a giornali, televisione e radio molti argomenti scientifici sono riusciti ad attrarre l’attenzione sia della comunità scientifica sia del pubblico generale. Nel villaggio globale cambia tutto, in primis il mondo della conoscenza, non più considerata un valore intangibile: la parola dell’intellettuale, dello scienziato, di chi ha studiato e acquisito competenze tende a sfumare in una mera opinione. Anzi: in un parere. Uno dei tanti.

I docenti proveranno ad illustrare, attraverso alcune buone e cattive pratiche dell’informazione e della comunicazione scientifia, il legame tra questo processo e quello di corruzione, banalizzazione e fraintendimento che spesso si verifica nella trasmissione di contenuti specialistici ai pubblici. L’analisi porta a interrogativi (e risposte) precisi: come mai è così difficile giungere a una conoscenza scientifica diffusa e condivisa? E come mai è così facile che tesi prive di attendibilità trovino credito? Che ruolo hanno i mass media in questi processi?
Docenti

  • Marco Ferrazzoli, giornalista professionista, capo ufficio stampa del Cnr
  • Francesca Dragotto, linguista, docente Università Tor Vergata
  • modera Sergio Ferraris, giornalista scientifico, direttore di QualEnergia

Modulo 2 (ore 10.30)

Dati e mappe diventano notizia

Workshop di dialogo scienza-giornalismo sulla lettura, l’interpretazione e la restituzione di dati scientifici.

Due ricercatori espongono un “caso” mostrando i dati nella forma utilizzata dalla scienza (non destinata al pubblico).

I partecipanti al workshop dovranno cercare in questi le notizie. Notizie che poi, con l’aiuto degli speaker – guidati da un giornalista scientifico, da un generalista, da un grafico – dovranno essere “tradotte” in una forma adatta al pubblico (scelta di titolo e attacco, icone e forme grafiche dinamiche, utilizzo di tool adatti) e sottoposte poi alla verifica di correttezza dei ricercatori/fonte.

Modulo 2 – 1a parte:

Lettura, interpretazione e “traduzione” di dati e mappe scientifiche. Con l’aiuto di due ricercatori e di un giornalista scientifico, giornalisti e pubblico indagano il mondo dei dati: dove trovare i materiali, come approcciarsi alla lettura, come leggere e interpretare dati e mappe. I ricercatori vestono il ruolo di fonte primaria, illustrano alcuni dati nelle forme di informazione per ”addetti ai lavori” aiutandone la lettura ai partecipanti. Durante il laboratorio, dati e mappe d’esempio vengono analizzate al fine di individuarne una sintesi che possa essere efficacemente comunicata. 

Modulo 2 – 2a parte – Dati e mappe diventano storia grafica:

Esercitazione tra giornalisti, scienziati e esperti di comunicazione grafica per tradurre i dati scientifici e trasformarli in un racconto anche grafico per la visualizzazione apprezzabile per il lettore. I due ricercatori forniscono dati di un caso esempio. Durante il laboratorio i dati vengono “ripuliti” e uniformati così da poter avere un parametro univoco. Insieme ad un esperto di grafica e infografica, i partecipanti trasformano le tabelle in grafici di immediata lettura. La notizia a quel punto risulta evidente e facile da comunicare.
Docenti:

  • Gianmaria Sannino, responsabile del Laboratorio Modellistica Climatica e Impatti di ENEA
  • David De Angelis, graphic designer e direttore artistico di Giornalisti Nell’Erba
  • modera: Paola Bolaffio, direttore di giornalistinellerba.it

Modulo 3 (ore 14.00)

Energy quiz: informazione interattiva

Format divertenti e coinvolgenti per capire energia ed efficienza energetica. Efficienza energetica, che parola brutta e difficile. Eppure la mettiamo in pratica tutti i giorni. Il nostro corpo, ad esempio, è una macchina ad altissima efficienza energetica.  Sapete quanto energia richiede il nostro corpo in un’ora? Non ve lo diciamo, perché questa è una delle domande del gioco a quiz a squadre per sperimentare in modo interattivo l’informazione scientifica.

Docenti:

  • Antonio Disi, ricercatore Enea, responsabile del Servizio Comunicazione e Formazione dell’Agenzia Nazionale per l’Efficienza Energetica
  • modera Ivan Manzo, giornalista Nell’Erba in redazione centrale, esperto in economia ambientale e climatica 

Modulo 4 (ore 15.00)

Scienza e nuovi giornalismi: “Dico scienza… pare facile”

Bufale, fake news in questioni scientifiche (e ambientali) sono frequenti. Perché si prestano…. ? Perché non c’è cultura scientifica? E allora come fare in modo che lettori, utenti, cittadini crescano in consapevolezza, o meglio in capacità critica? Quale linguaggio usare? Quali innovazioni nell’informazione scientifica possiamo ritenere efficaci?

Comunicazione della scienza su social e web. Esempi buoni e cattivi e consigli pratici per far leggere/ascoltare/vedere quando si parla di scienza.
Docenti

  • Raffaele Giovanditti, responsabile Comunicazione Notte Europea dei Ricercatori – Frascati Scienza
  • Sergio Ferraris, giornalista scientifico, direttore QualEnergia

Modulo 5 (ore 16.00)

Fisicamente impossibile

A metà tra l’esperimento, il focus group, il quiz e il gioco di società, questo format si focalizza su sostenibilità, termodinamica, energia, reversibilità, efficienza ed entropia. Senza dimenticare il valore economico (scarti e costi) ed energie rinnovabili. I dati e le informazioni scientifiche vengono spiegate dai partecipanti, in un crescendo di concetti sempre più complessi e interconnessi, con la guida di due scienziati dell’Istituto di Fisica Nucleare. (INFN). 

Docenti

  • Giovanni Mazzitelli e Danilo Domenici, fisici all’INFN (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare) 

Organizzato da Giornalisti Nell’Erba/Il Refuso – Ass. Frascati Scienza in collaborazione con US CNR, ENEA, INFN, ESA

Il corso rientra nel progetto Science Data Journalism School di Giornalisti Nell’Erba/Il Refuso e Frascati Scienza iniziato nel settembre 2016 all’interno degli eventi in programma per la Notte Europea dei Ricercatori (corso Odg), presentato in un workshop anche al Festival internazionale del Giornalismo e in altri format durante la Giornata nazionale di Giornalisti Nell’Erba ed evento di lancio di #ERN17 il 19 maggio a Roma.  

info: https://www.frascatiscienza.it/pagine/notte-europea-dei-ricercatori-2017/programma/?evs=1861&bytarget=&bycategory=&bytown=&byday=&byorgs=

CV DOCENTI

Continua a leggere

Pubblicato in Editoriali, News | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Un nuovo linguaggio per difendere la natura

Un nuovo linguaggio per difendere la natura

Ho trovato molto interessante l’analisi di George Monbiot (Internazionale 1220) sul linguaggio, che credo sia il vero problema della comunicazione sul clima. La catastrofe che ci viene narrata attorno al riscaldamento globale, una coscienza ambientale che nasconde motivazioni economiche e giornalisti che amano il sensazionalismo hanno permesso di raccogliere attorno al problema solo estremismi e poca cultura.

posta@internazionale 1221

 

Pubblicato in Editoriali | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Gay vs A.I…

Questa notizia di repubblica.it afferma che a Stanford con l’A.I. siano in grado di riconoscere le tendenze sessuali. Forse più che delle macchine che riconoscono tra gay ed etero mi preoccuperei maggiormente del perché ancora discutiamo delle differenze di genere, razza, ecc, ecc. nonché della “retorica tecnologica” dell’articolo di repubblica…

Pubblicato in Editoriali | Lascia un commento

Domani a Umbria Green Festival – @frascatiscienza @infn_ @UmbriaGreenCard @gNellerba

IMG_20170506_184402_097

DISCUSSION-GAME ENERGIA E SOSTENIBILITÀ: FISICAMENTE IMPOSSIBILE?  Con Danilo Domenici e Giovanni Mazzitelli, INFN

http://www.umbriagreenfestival.it/

Pubblicato in News | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Tutti gli eventi della Notte Europea dei Ricercatori 2017 – #ERN17 #MSCANIGHT @FrascatiScienza @MSCActions

IMG_20160927_233726

Tutti gli eventi della Notte Europea dei Ricercatori 2017!

https://www.frascatiscienza.it/pagine/notte-europea-dei-ricercatori-2017/programma/

Pubblicato in News | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento