Science communication: a new frontier

Screen Shot 2019-05-08 at 10.47.15

Pubblicato su CERN Courier Volume 59, Number 3, May/June 2019

Giovanni Mazzitelli describes the changing face of communication through the lens
of European Researchers’ Night.

In the world of communication, everyone has a role to play. During the past two decades, the ability of researchers to communicate their work to funding agencies, policymakers, entrepreneurs and the public at large has become an increasingly important part of their job. Scientists play a fundamental role in society, generally enjoying an authoritative status, and this makes us accountable.
Science communication is not just a way to share knowledge, it is also about educating new generations in the scientific approach and attracting young people to scientific careers. In addition, fundamental research drives the development of technology and innovation, playing an important role in providing solutions in challenging areas such as health care, the provision of food and safety. This obliges researchers to disseminate the results of their work.

Evolving attitudes
Although science communication is becoming increasingly unavoidable, the skills it requires are not yet universal and some scientists are not prepared to do it. Of course there are risks involved. Communication can distract individuals from research and objectives, or, if done badly, can undermine the very messages that the scientist needs to convey. The European Researchers’ Night is a highly successful annual event that was initiated in 2005 as a European Commission Marie Sklodowska-Curie Action, and offers an opportunity for scientists to get more involved in science communication. It falls every final Friday of September, and illustrates how quickly attitudes are evolving.
In 2006, with a small group of researchers from the Italian National Institute for Nuclear Physics (INFN) located close to Frascati, we took part in one of the first Researchers’ Night events. Frascati is surrounded by important scientific institutions and universities, and from the start the Italian National Agency for New Technologies, Energy and Sustainable Economic Development, the European Space Agency and the National Institute for Astrophysics joined the collaboration with INFN, along with the
Municipality of Frascati and the Cultural and Research Department of the Lazio region, which co-funded the initiative.
Since then, thousands of researchers, citizens, public and private institutions have worked together to change the public perception of science and of the infrastructure in the Frascati and Lazio regions, supported by the programme. Today, after 13 editions, it involves more than 60 scientific partners spread from the north to the south of Italy in 30 cities, and attracts more than 10,000 attendees, with significant media impact. Moreover, it has now evolved to become a week long event, is linked to many related events throughout the year, and has triggered many institutions to develop their own science communication projects.
Analysing the successive Frascati Researchers’ Night projects allows a better understanding of the evolution of science communication methodology. Back in 2006, scientists started to open their laboratories and research infrastructures to present their jobs in the most comprehensible way, with a view to increasing the scientific literacy of the public and to fill their deficit of knowledge. They then tried to create a direct dialogue by meeting people in public spaces such as squares and bars, discussing the more practical aspects of science, such as how public money is spent, and how much researchers are responsible for their work. Those were the years in which the socio-economic crisis started to unfold. It was also the beginning of the European Union’s Horizon 2020 programme, when economic growth and terms such as innovation started to substitute scientific progress and discovery. It was therefore becoming more important than ever to engage with the public and keep the science flag flying.
In recent years, this approach has changed. Two biannual projects that are also part of a Marie Sklodowska-Curie Action – Made in Science and BEES (BE a citizEn Scientist) underline a different vision of science and of the methodology of communication. Made in Science (which was live between 2016 and 2017) was supposed to represent the “trademark” of research, aiming to communicate to society the importance of the science production chain in terms of quality, identity, creativity, know-how and responsibility. In this chain, which starts from fundamental research and ends with social benefits, no one is excluded and must take part in the decision process and, where
possible, in the research itself. Its successor, BEES (2018–2019), on the other hand, aims to bring citizens up close to the discovery process, showing how long it takes and how it can be tough and frustrating. Both projects follow the most recent trends in science communication based on a participative or “public engagement” model, rather than
the traditional “deficit” model. Here, researchers are not the main actors but facilitators of the learning process with a specific role: the expert one.

Nerd or not a nerd?
Nevertheless, this evolution of science communication isn’t all positive. There are many examples of problems in science communication: the explosion of concerns about science (vaccines, autism, GMO, homeopathy, etc); the avoidance of science and technology in preference to returning to a more “natural” life; the exploitation of science results (positive or negative) to support conspiracy theories or influence democracies; and overplaying the benefits for knowledge and technology transfer, to list a few examples. Last but not least, some strong bias still remains among both scientists and audiences, limiting the effectiveness of communication.
The first, and probably the hardest, is the stereotype bias: are you a “nerd”, or do you feel like a nerd? Often scientists refer to themselves as a category that can’t be understood by society, consequently limiting their capacity to interact with the public. On the other hand, scientists are sometimes real nerds, and seen by the public as nerds. This is true for all job categories, but in the case of scientists this strongly conditions their ability to communicate.
Age, gender and technological bias also still play a fundamental role, especially in the most developed European countries. Young people may understand science and technology more easily, while women still do not seem to have full access to scientific careers and to the exploitation of technology. Although the transition from a deficit to a participative model is already common in education and democratic societies, it is not yet completed in science, which is likely because of the strong bias that still seems to exist among researchers and audiences. The Marie Sklodowska-Curie European Researchers’ Night is a powerful way in which scientists can address such issues.

Pubblicato in Editoriali | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Notre-Dame è di tutto il mondo

c793d4f4-fd6c-44e2-8c72-bb59e40f7a07-AFP_AFP_1FO3QP.jpgNel Mediterraneo si contano in media otto persone disperse al giorno; quasi sei milioni di bambini muoiono ogni anno nel mondo prima dei 5 anni; metà della popolazione mondiale non ha accesso ai servizi sanitari di base; 100 milioni di persone ogni anno sono spinte verso la povertà a causa delle spese mediche; circa il 10 per cento della popolazione mondiale vive in condizioni di povertà estrema; più di due miliardi di persone non hanno accesso all’acqua potabile. Ma “il mondo intero è stato colpito al cuore e ha prodotto uno slancio senza frontiere di empatia e solidarietà” per l’incendio alla cattedrale di Notre-Dame a Parigi (Internazionale 1303). “Il rispetto per le opere offre un contraltare emotivo alla freddezza dell’universalismo: così come la libertà e l’uguaglianza ne sono lo spirito, l’amore per la cultura ne è l’anima, che va a completare, correggere e trascendere l’aridità della civiltà tecnica”, si dice nell’articolo. Rispetto e ammiro l’arte ma non questo ipocrita, pietista qualunquismo della nostra società.

posta@internazionale.it numero 1305

Pubblicato in Editoriali | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Strane correlazioni

e8e567e1-ed91-4b27-8e2a-93faa0b77072_large.jpgNelle carceri ci sono il  33,8% di stranieri. Secondo l’ISTAT l’8,4% della popolazione residente in Italia vive sotto la soglia di povertà assoluta. Il 34,5% sono cittadini stranieri.
Nel frattempo anche se l’immigrazione cresce, la criminalità  scende da anni costantemente…

Pubblicato in Editoriali | Contrassegnato , , | Lascia un commento

A high resolution TPC based on GEM optical readout

https://ieeexplore.ieee.org/document/8532631

Pubblicato in News | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Il conflitto democratico, competere per un mondo migliore

il-conflitto-democratico.jpgMentre scrivo questo post ascolto Sebastino Barisoni che si indigna con Marco Travaglio perché usa il noi e il voi per distinguersi dall’egemonia del pensiero neoliberista nel quale la nostra società vive oggi. Non amo affatto Travaglio, e non condivido molto della visione di Barisoni, ma è chiaro che nessuno dei due sta usando questa distinzione per competere nel creare un mondo migliore. La loro non è infatti una competizione agonistica fra due visioni diverse di società. Il loro è un rapporto antagonistico, un conflitto fra due fazioni che devono prevaricare l’una l’altra. Secondo la Mouffe, storica politologa della corrente post-marxista, le identità politiche, essendo identità collettive, possono solo identificarsi nella distinzione fra noi e loro senza che questo debba costituire un conflitto.
Nella sua idea, la democrazia perfetta non può esistere, perché la collettività è cosi complessa che essa è irraggiungibile. La democrazia diviene quindi una competizione per il potere fra idee (noi/loro) di società diverse. Potere, nuova egemonica che sostituisce la precedente, rivoluzionando le istituzioni.
Essere avversari e non nemici, legittima quindi ogni forma di pensiero collettivo, anche la più radicale, purché questa sappia proporre un nuovo modello di società. Da qui la forte critica all’esodo, come forma di lotta al egemonia dominante, e alla rivoluzione intesa solo come sostituzione di qualcuno al potere, che invece può avvenire solo attraverso un cambiamento delle istituzioni.
Non so se sia la visione corretta, o quanto sia utopico pensare che un società evoluta dovrebbe competere e non sopraffarsi per il potere, ma mi piace.
https://www.amazon.it/conflitto-democratico-Chantal-Mouffe/dp/8857528456 

Pubblicato in Editoriali | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Migrazioni climatiche verso l’Italia #CNR

Uno studio dell’Istituto sull’inquinamento atmosferico del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Iia), pubblicato suEnvironmental Research Communications, mostra come nel recente passato le migrazioni dall’area del Sahel all’Italia siano state guidate soprattutto dalle variazioni meteo-climatiche in quelle zone, dove si evidenziano intensi impatti del riscaldamento globale

migrazione-seo.jpg

In uno studio pubblicato sulla rivista internazionale Environmental Research Communications dall’Istituto sull’inquinamento atmosferico del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Iia), si osserva come le variazioni meteo-climatiche svolgano un ruolo primario nell’influenza dei flussi migratori dalla fascia africana del Sahel all’Italia. I ricercatori si sono concentrati sul periodo 1995-2009, precedente alle primavere arabe e alla crisi siriana, escludendo così conflitti recenti ed evidenziando meglio eventuali incidenze climatiche.
“In questo contesto appare interessante valutare quantitativamente l’influenza dei cambiamenti climatici sulle migrazioni dalla fascia africana del Sahel all’Italia, che rappresentano circa il 90% degli ingressi sul nostro territorio dalla rotta mediterranea”, afferma Antonello Pasini, ricercatore del Cnr-Iia e autore dello studio, svolto in collaborazione con Stefano Amendola, dottorando in fisica dell’Università di Roma Tre. “Nello specifico, abbiamo utilizzato un semplice modello lineare e un altro più sofisticato di intelligenza artificiale, un sistema a rete neurale recentemente sviluppato dal nostro gruppo, in grado di evidenziare cambiamenti non graduali ed effetti del superamento di determinate soglie nelle variabili meteo-climatiche. Con il modello a rete neurale siamo stati in grado di spiegare quasi l’80% della variabilità nelle correnti migratorie verso l’Italia, prendendo in considerazione i soli dati meteo-climatici, per causa diretta e per influenza sull’ammontare dei raccolti annuali”.
L’agricoltura rappresenta quindi un collegamento tra cambiamenti climatici e migrazioni. “Raccolti poveri ed eventuali carestie, congiuntamente alle ondate di calore durante la stagione di crescita, amplificano il fenomeno migratorio”, chiarisce Pasini.
Il fattore dominante che ha indotto queste migrazioni sembra essere però la temperatura, tanto da far pensare che il superamento di una soglia di tolleranza termica, umana ed animale, possa avere un ruolo primario sulle variazioni dei flussi migratori. “Oggi sappiamo che i paesi africani sono molto vicini a queste soglie. I nostri risultati modellistici rappresentano ovviamente solo un primo passo verso studi più ampi, che possano vedere la collaborazione con scienziati sociali per una valutazione più completa di tutti i fattori che influenzano le migrazioni”, conclude il ricercatore. “Nonostante ciò, ritengo che già ora le evidenze presentate in questo studio vadano seriamente prese in considerazione dal mondo della politica, affinché anche in Africa si adottino strategie doppiamente vincenti, come il recupero di terreni degradati e desertificati, che possano condurre a mitigare il riscaldamento globale e, nel contempo, a creare situazioni che prevengano il triste fenomeno delle migrazioni forzate”.
Ufficio Stampa CNR

Linear e non linear influences of climatic changes on migration flows: a case study for the ‘Mediterranean bridge’, Environmental Research Communications 1,011005, https://iopscience.iop.org/article/10.1088/2515-7620/ab0464, A. Pasini, S. Amendola (2019)

Pubblicato in News | Contrassegnato , | Lascia un commento

Scienza in Parlamento

APmarciaScienziatiBoston-k4oB-U43300766041696YcG-768x576@Corriere-Tablet_desktop.jpg       Caro Marco Cattaneo,
ho letto il tuo editoriale sull’ultimo numero di Le Scienze e l’appello a gli scienziati italiani per aderire all’invito di promuovere un comitato che sia di supporto al parlamento nelle scelte nel campo della scienza la tecnologia.
Pur condividendo l’obiettivo ritengo che vi siano grandi insidie dietro a tutto ciò.
La scienza mi sembra già sufficientemente in balia delle opinioni da ritenere molto pericoloso renderla complice delle scelte politiche, in particolare di questo parlamento, ma piu’ in generale della politica miope che distingue questo periodo storico. A mio parere, e’ proprio questa confusione (a questo punto commistione) su temi caldi come clima, l’aborto e fecondazione, gli OGM, i vaccini ecc che ha creato grandissimi problemi. Guarda l’unico articolo che avete pubblicato questo, particolare, mese sul clima: ci racconta come l’unica strategia uscita da un panel come l’IPCC, in cui siedono anche scienziati dopo 24 anni, non sia altro che mitigare l’emissione di CO2 attraverso il sequestro di carbonio o imporre delle tasse ai cittadini, socializzando il danno fatto da pochi sulla comunità.
Al di la chi ci campa, da scienziati vogliamo veramente appoggiare le innovazioni della green economy, degli incentivi statali a pioggia, le macchine elettriche, l’economia circolare, il riciclo, i biodisel, ecc, ecc? chiunque conosca un minimo di termodinamica e di economia capisce bene l’incompatibilità delle due discipline.
Siete, siamo, forse…, fra i pochi intellettuali rimasti in questo paese, non possiamo metterci al fianco di questa egemonia di pensiero, fermandoci a editoriali e chiedendo di costituire commissioni di consulenza. Oggi, probabilmente, se vogliamo che rinasca la fiducia nella scienza, dovremmo scendere nelle piazze a fianco di quei giovani dai quali abbiamo “preso in prestito” la Terra, perché sappiamo bene, proprio da scienziati, i limiti ai quali siamo arrivati e rischi che corriamo.
Infine, e’ vero, panel di questo tipo ci sono anche in altri posti del mondo da almeno 20 anni, e forse qualche frutto lo hanno anche dato. Ma, proprio perché siamo cosi’ in ritardo, e’ quasi sciocco pensare di risolvere in questo modo il rapporti fra scienza e società: sembra quasi che sconfitti nella nostra autorevolezza, scegliamo una via facile per avere un minimo di autorità. Forse, sarebbe meglio ascoltare i giovani mettendoci al loro servizio, per farli crescere nel rispetto della scienza, piuttosto che arroccarci dietro qualche poltrona.
Scusa lo sfogo, probabilmente troppo lungo e confuso, ma che spero possa farci riflettere, prima di firmare 

Pubblicato in Editoriali | Lascia un commento