Parlare di Cina per costruire un’ Italia diversa

 di Claudio Marcelli

Leggo i giornali mentre volo a più di 11.000 metri di quota verso la Cina. Lascio un paese in pieno dibattito elettorale che si avvia preoccupato verso le prossime elezioni. Sto tornando a Hefei per completare il mio periodo di visiting professor alla USTC. Questa università della Chinese Academy of Science è oggi l’università cinese con il più alto livello di high citation papers. Con i suoi circa 7200 undergraduate, più di 8800 graduate e ben più di 6300 Master è la prima università della Cina nel Nature Publication Index del 2011. Per capire la competizione per accedere a questa Istituzione, gli studenti accolti alla USTC sono un numero compreso tra il tre e il cinque per mille degli high-school graduate che applicano ogni anno attraverso un concorso nazionale. (continua)

Informazioni su Giovanni Mazzitelli

Senior Researcher - field of interest high energy physics and particle accelerators; science communication and education; sail and alpinism lover
Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Parlare di Cina per costruire un’ Italia diversa

  1. sandro ha detto:

    Caro Claudio, parole sante! Tutti sanno ma nessuno fa niente in questo paese di omertosi dove il merito viene continuamente messo da parte a scapito dei raccomandati e dei figli d’arte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...