l’innovazione che non innova

self-driving-car.jpg

I recenti incidenti delle auto Tesla e Uber a guida automatica hanno messo in evidenza i problemi di una tecnologia ancora non matura. Di per se questo probabilmente non è una novità: non credo che se andiamo a verificare gli incidenti legati alle prime automobili o arei, troveremmo numeri minori di incidenti, quindi a parte il fatto che ovviamente si da, come al solito, la responsabilità al pilota e che la perdita di vite umane non è mai giustificabile, non credo che le macchine a guida automatica siano di per se un pericolo. Ma ciò che però proprio non mi va giù il concetto che l’innovazione nei trasporti continui a promuovere un modello in cui ognuno ha la sua automobile, magari elettrica, che inquina quanto se non di più di una con il motore a scoppio, che si guida automaticamente, permettendoci di annoiarci da soli davanti ad un cellulare. Tesla vuole vendere automobili, Uber vuole liberasi degli autisti, google, amazon, facebook, ecc sfruttano i nostri comportamenti a fini commerciali. Una cosa e’ sicura, tutti nascosti dietro la bandiera dell’innovazione, sostituita ormai al concetto di sviluppo, portano avanti modelli di società eticamente discutibili, e noi?

Informazioni su Giovanni Mazzitelli

Senior Researcher - field of interest high energy physics and particle accelerators; science communication and education; sail and alpinism lover
Questa voce è stata pubblicata in Editoriali e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...